Dino Buzzati: cinquant’anni dalla scomparsa

Oggi, 28 gennaio 2022 si celebrano i cinquant’anni dalla scomparsa del grande scrittore bellunese (Belluno, 16 ottobre 1906 – Milano, 28 gennaio 1972).

Insieme a Italo Calvino e Tommaso Landolfi, uno dei più grandi scrittori fantastici del Novecento italiano, con all’attivo un grande numero di romanzi e racconti surreali e realistico-magici (tanto da esser stato a più riprese definito il “Kafka italiano”). Il suo capolavoro, Il deserto dei Tartari (1940), è considerato dalla critica il vertice della narrativa esistenzialista italiana.

Nel 1958 la sua raccolta “Sessanta Racconti”, è stata premiata con il premio Strega .

Ha collaborato per molti anni con il “Corriere della Sera” e come “secondo mestiere”, come lui stesso aveva dichiarato, era dipingere. Le sue opere pittoriche sono fortemente influenzate alle atmosfere e alle situazioni dei suoi romanzi e dei suoi racconti: lo stesso autore definì i suoi quadri “storie dipinte”, sottolineando con questa espressione la forte carica narrativa delle tele. A questo proposito vale la pena di ricordare una sua opera singolare, precorritrice degli attuali “graphic novels” e che fece a suo tempo scalpore : “Il poema a fumetti” pubblicato nel 1969.

Appena ieri è stata celebrata anche “la giornata della memoria” , la Shoah, per non dimenticare le lo sterminio degli Ebrei vittime del genocidio nazifascista.
Buzzati scrisse un racconto breve, una amara parodia su quella triste e inquietante figura che ideò e permise quella tragedia.
Dalla raccolta “Il Colombre e altri cinquanta racconti“: “Povero bambino”
Scaricate e leggete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...